Cresciuto tra la Spagna e l'Italia, Enrique Rossi Fernández ha avuto un luogo che ha sempre sentito come casa: la cucina della nonna.

Anzi, per meglio dire, entrambe le cucine delle sue nonne.

"Fin da bambina sono sempre stata con loro in cucina", racconta la guida di Devour Barcelona e buongustaia da sempre. "Tutti gli altri cugini e i membri della famiglia erano in piscina d'estate, mentre io ero in cucina con mia nonna. Era quello che amavo".

Per Enrique, cucinare è sempre stato un modo per tenersi occupato: "Ho bisogno di fare qualcosa. Non riesco a stare lì senza fare nulla, e la cucina è sempre stata una cosa che mi ha fatto bene".

"In Spagna e in Italia il cibo non è solo qualcosa da mangiare, ma è una specie di religione. E per me la cucina è una sorta di meditazione".

Nato da padre italiano e madre spagnola, Enrique è cresciuto tra i due Paesi e ha anche trascorso un periodo nel Regno Unito come studente. Dopo essere tornato a Barcellona da adulto, si è reso conto che c'era una grande opportunità per condividere una delle sue passioni di sempre con i visitatori della città. Questo è avvenuto con l'avvio dei suoi corsi di cucina.

Alcuni dei nostri corsi di cucina preferiti in Spagna sono tenuti dalle nostre stesse guide!

Tornare alle basi di Barcellona

Enrique è sempre stato un fan dei corsi di cucina ogni volta che viaggia in un posto nuovo. Per lui è il modo più semplice per conoscere la cultura di un luogo in poco tempo. Ma quando ha iniziato la sua ricerca iniziale sui corsi di cucina disponibili a Barcellona in quel momento, qualcosa non gli tornava.

In primo luogo, ha notato una mancanza di autenticità. E di conseguenza si è allontanato dagli ingredienti e dai prodotti tradizionali che da tempo contraddistinguono Barcellona.

"Ho scoperto che oggi, qui a Barcellona, si mangia più carne che pesce, anche se siamo una città di mare. E tutto ciò ha a che fare con il fatto che il pesce era un tempo il cibo dei poveri. I ricchi potevano permettersi la carne", ha spiegato.

"Non appena la situazione è cambiata negli anni '70 con la fine della dittatura, la gente ha potuto procurarsi la carne. Era una cosa quasi impossibile quasi cinque anni prima. Così hanno iniziato a mangiare molta più carne che pesce. Penso che stiamo perdendo questo legame con il pesce e i frutti di mare, ed è un peccato perché è il prodotto migliore che abbiamo qui".

Non sorprende quindi che il piatto forte del corso di cucina di Enrique sia il tradizionale arròs caldós catalano, o riso in brodo, preparato con un brodo di pesce fatto in casa. "Con un buon brodo di pesce, si ottiene un buon piatto di riso", ha detto Enrique.

Arròs caldós (riso brodoso catalano)
Realizzato con ingredienti freschi che catturano l'essenza del mare, l'arròs caldós è Barcellona in un piatto. Crediti fotografici: Corso di cucina di Enrique

La descrive come una sorta di paella catalana, fatta con ingredienti molto simili al piatto di riso più diffuso in Spagna, con qualche variazione nella preparazione.

Quell'umile arròs caldós è il motivo per cui Enrique fa quello che fa.

"Il sapore è travolgente. Mi rende felice solo a pensarci, e voglio trasferire questa felicità ad altre persone".

Un tocco locale

Enrique ha detto che una delle esperienze più gratificanti che ha avuto insegnando corsi di cucina è vedere come le persone escono dalla loro zona di comfort e fanno cose che li mettono alla prova.

"Qui, nei miei corsi, le persone fanno tutto. Mostro loro come affettare qualcosa, per esempio, e poi preparano il loro piatto. Preparano il piatto, lo impiattano, lo decorano e poi lo mangiano. Le persone sono impressionate da quello che riescono a fare e dal fatto che alla fine è facile".

Ma per arrivare a questo punto, è importante iniziare con materie prime di alta qualità. Enrique ha detto che un buon prodotto non ha bisogno di molte preparazioni o condimenti, ma risplende da solo.

Enrique tiene uno dei migliori corsi di cucina in Spagna
Gli ospiti di Enrique imparano che quando si parte da ingredienti di ottima qualità, tutto il resto va al suo posto. Crediti fotografici: Corso di cucina di Enrique

Come si può immaginare, non c'è posto migliore per trovare questi ingredienti che il mercato locale, tappa abituale per Enrique.

"Tutte le verdure provengono da qui e di solito sono di stagione: è un ristorante che va dalla fattoria alla tavola. E il pesce che uso proviene dall'asta del pesce della Barceloneta", ha detto.

Enrique compra il pesce per le sue lezioni dai venditori del mercato. Ma uno dei suoi sogni è quello di poter andare all'asta del pesce e comprarlo direttamente dalla fonte.

"Si può andare a visitare l'asta del pesce, ma bisogna avere un ristorante o qualcosa di simile per poter acquistare [i prodotti]", ha spiegato. "È una cosa che ho cercato di fare negli ultimi tre o quattro anni, ma è difficile".

Dove si incontrano una passione e un hobby

Ma l'amore di Enrique per il mare non si ferma qui. Quando non tiene corsi di cucina o guida gruppi nei tour di Devour Barcelona, di solito lo si trova in barca a pescare nelle calme acque del Mediterraneo.

Ovvero, ovunque si trovi nel mondo in quel momento.

"Quando viaggio, sono il tipo con la canna da pesca e tutta la sua roba da pesca. Mi fermano in ogni aeroporto perché non capiscono cosa ho nel bagaglio", ha spiegato ridendo.

Frutti di mare su un tagliere
Per Enrique, i frutti di mare di incredibile qualità sono un must: costituiscono la base di tanti fantastici piatti di Barcellona. Crediti fotografici: Corso di cucina di Enrique

La pesca è iniziata come un hobby per Enrique. Da bambino andava con il padre, originario della città balneare di La Spezia, vicino alle famose Cinque Terre.

Anche se di solito non può usare il bottino delle sue battute di pesca nei corsi di cucina a causa dell'imprevedibilità del risultato finale, Enrique è sempre più felice quando è vicino al mare o in cucina. Per fortuna, non sono mai così distanti.

"Ho sempre vissuto molto vicino al mare. Anche adesso, la mia casa è a cinque minuti di distanza", ha detto. È anche per questo che, nei suoi corsi, Enrique si concentra soprattutto sui frutti di mare.

"Voglio tornare al cibo vero e proprio, quello di questa regione", ha detto. "Per me è molto meglio di quello che si fa oggi nella maggior parte dei ristoranti".

Corso di cucina con Enrique a Barcellona, Spagna
Non c'è niente di meglio che imparare i segreti dell'autentica cucina catalana con un locale! Crediti fotografici: Corso di cucina di Enrique

In cucina con Arantxa a Madrid

I viaggiatori curiosi diretti a Madrid hanno un'opzione altrettanto eccellente nella capitale spagnola: la chef Arantxa Lamas. Come Enrique, è una delle nostre guide qui a Devour Tours e tiene anche corsi di cucina nella sua cucina di casa.

Per tutta l'infanzia, il lavoro del padre di Arantxa come direttore di vari alberghi (costruiti in edifici storici) ha portato la famiglia in giro per il Paese. paradores (alberghi costruiti in edifici storici) ha portato la famiglia in giro per il Paese. Sebbene Arantxa abbia vissuto in diverse città e paesi della Spagna, la sua fedeltà alimentare è legata alle radici della sua famiglia.

"Mia madre è originaria dei Paesi Baschi e mio padre è nato a Madrid da madre basca. Tutte le radici della mia famiglia sono nei Paesi Baschi, quindi ovviamente penso che abbiano il cibo migliore", ha detto ridendo.

Dopo aver vissuto in Ecuador per alcuni anni, all'inizio dei suoi 20 anni, Arantxa è tornata in Spagna e ha accettato un lavoro a Gibilterra. Il viaggio di 12 ore in auto da Madrid ("non c'era ancora un'autostrada per l'Andalusia", spiega) le ha fatto scoprire quanto sia profondo l'amore per il cibo tradizionale nella maggior parte delle regioni spagnole.

Corso di cucina di Arantxa a Madrid, Spagna
Avendo vissuto in tutto il Paese, Arantxa è una vera esperta di cucina spagnola e ama condividere le sue conoscenze con i viaggiatori curiosi in classe. Crediti fotografici: Chef Arantxa Lamas

"Fino a poco tempo fa le persone erano piuttosto isolate nelle loro regioni, quindi erano molto attente al loro cibo, alle loro tradizioni, alle loro ricette e ai loro ingredienti", ha detto. "Non sapevano nulla di tutte le altre regioni della Spagna".

Ma, lentamente ma inesorabilmente, tutto questo sta cambiando. E sta mettendo radici nella città natale di Arantxa, Madrid.

Creare una nuova opportunità

Dopo essersi trovata in cassa integrazione nel bel mezzo della crisi economica spagnola, Arantxa ha deciso di seguire una delle sue passioni di sempre: la cucina.

"Avevo sempre voluto sapere come cucinare correttamente, perché avevo cucinato per tutta la vita", ha raccontato. "Così ho deciso di frequentare una scuola di cucina con i soldi della mia liquidazione".

Arantxa si è diplomata alla prestigiosa accademia di cucina Le Cordon Bleu. Ha lavorato in una serie di ruoli legati al cibo prima di lanciare i suoi corsi di cucina.

I suoi ospiti scelgono quali piatti cucinare da un menu curato che rappresenta il meglio della Spagna. Offre di tutto, dai piatti preferiti della casa come il cocido madrileño e le gambas al ajillo, ai classici andalusi gazpacho e salmorejo, fino agli incredibili piatti baschi a base di pesce. E grazie alla sua vita passata a vivere e viaggiare in ogni angolo della Spagna, è in grado di farlo.

Piatto a base di pesce durante il corso di cucina di Arantxa
Le lezioni personalizzabili di Arantxa offrono tutto, dai classici popolari ai nuovi piatti che molti viaggiatori non hanno ancora sentito nominare. Crediti fotografici: Chef Arantxa Lamas

Per Arantxa, le lezioni più gratificanti sono quelle trascorse con gli studenti che vogliono impegnarsi e provare qualcosa di nuovo.

"Mi piace quando le persone vogliono imparare a fare cose che vanno oltre il cibo spagnolo che già conoscono. Magari vogliono imparare a fare un'empanada galiziana di merluzzo e uvetta, crocchette o pimientos de piquilloripieni . Èbello vedere persone interessate a fare qualcosa di diverso".

Il meglio della Spagna, con un tocco locale

Il variegato menu della scuola di cucina di Arantxa riflette non solo la sua educazione in varie città e paesi della Spagna, ma anche la ricca varietà culinaria della stessa Madrid.

"La cosa bella di Madrid è che si può trovare cibo da ogni parte", ha detto. "Se vuoi cibo galiziano, andaluso o valenciano, puoi trovarlo a Madrid".

Ma nonostante questo aspetto più cosmopolita, Madrid conserva un carattere unico in molte zone, in particolare nel quartiere di Arantxa, Carabanchel. È questo fascino locale che dà alle lezioni di Arantxa quel tocco speciale che non si può trovare in alcune zone più centrali e turistiche.

"Ho un piccolo mercato dietro l'angolo, a mezzo isolato da casa mia. Così porto i miei ospiti lì, dove tutti mi conoscono. Chiacchieriamo con i venditori, spiego tutto sul quartiere e sul mercato, poi torniamo a casa e iniziamo la lezione".

Arantxa è orgogliosa del fatto che le sue lezioni permettano agli ospiti di vedere un lato diverso di Madrid.

Corso di cucina di Arantxa in Spagna
Cucinare a casa con una persona del posto come Arantxa è un'esperienza che pochi visitatori possono fare a Madrid. Crediti fotografici: Chef Arantxa Lamas

"È un'opportunità per loro di venire a vedere un quartiere diverso dal centro turistico della città", ha detto. "Quando si rimane solo in centro, si tende a pensare che tutti questi nuovi posti, come i caffè di Starbucks, siano i luoghi dove noi[madrileni] andiamo. Non sono mai stata da Starbucks in vita mia!", ha detto ridendo.

Carabanchel sembra un mondo completamente nuovo - nel miglior modo possibile - rispetto alla Madrid che la maggior parte delle persone conosce. E tutto questo a meno di 40 minuti di distanza.

La terrazza esterna di Arantxa a Madrid
La casa di Arantxa ci fa venire una grande invidia per la terrazza: è il luogo perfetto per gustare un pasto all'aperto quando il tempo è bello! Crediti fotografici: Chef Arantxa Lamas

Sostenere gli imprenditori locali

La prossima volta che vi trovate a Barcellona o a Madrid, iscrivetevi a un corso di cucina con Enrique o Arantxa rispettivamente. È l'occasione perfetta per conoscere meglio la cultura alimentare della città. E quale modo migliore per farlo se non con un buongustaio locale che conosce la cucina come le sue tasche?