IL CAPITANO JULIE PEET SI STA DIVERTENDO COME UNA BALENA

Il capitano di Hornblower Cruises & Events, Julie Peet, ama l'acqua. Che sia dentro o sopra, Julie deve sempre starci vicino. È nata e cresciuta a San Diego, è sempre stata in spiaggia da bambina e si è autodefinita "Tan lil' toe head". Il nonno di Julie viveva su una barca a vela e quando non andava a trovarlo, passava il tempo nuotando o facendo surf.

Oggi madre di un energico figlio di 8 anni, Julie trova ancora il tempo per fare paddle boarding e parasailing. "Farei navigare un coperchio di bidone della spazzatura se avessi gli strumenti giusti per renderlo galleggiante. L'oceano è il mio luogo felice". Stare vicino all'acqua, godersi la fresca brezza oceanica, il suono delle onde che si infrangono o l'odore di sale nell'aria le fanno sorridere.

È davvero sorprendente che Julie sia diventata un capitano Hornblower? Non era nel suo progetto di vita originario. "Stavo andando all'università e mi stavo preparando per diventare un pompiere. Poi la pesca ha cambiato la mia vita. La mia prima uscita in barca è stata straordinaria. Continuavo a prendere pesci su pesci. Per me il primo morso e lo strattone alla canna da pesca erano così eccitanti che dovevo averne altri!".

Julie ne era affascinata. Andava sui pescherecci il più spesso possibile. Alla fine uno dei capitani le offrì un lavoro come marinaio. "Ho colto al volo l'opportunità, perché all'epoca non c'erano donne di coperta, quindi non pensavo che qualcuno si sarebbe offerto di assumermi". Julie ha accolto il suo nuovo ruolo come un pesce nell'acqua. "Consideravo un privilegio essere un marinaio, ma non avrei mai pensato di diventare capitano. Come marinaio sono riuscita a risparmiare abbastanza tempo in mare per richiedere la licenza di comandante USCG. Quando mio nonno è morto, ho usato i pochi soldi dell'eredità per pagarmi gli studi al Maritime Institute".

L'investimento su se stessa ha sicuramente dato i suoi frutti, visto che da allora usa l'oceano come ufficio. "Ho lavorato come capitano in seconda e ho fatto carriera sulle barche da pesca, poi ho iniziato a lavorare nella baia di San Diego circa otto anni fa, per arrivare a imbarcazioni ancora più grandi". Tra gli yacht della flotta Hornblower a San Diego, spicca un'imbarcazione. L'Adventure Hornblower da 300 passeggeri è sicuramente l'imbarcazione preferita di Julie. "È elegante, potente e veloce. Ha uno scafo a V con una prua a bulbo. Quella cosa si muove!".

Cosa c'è di così attraente nello stare in acqua? "Mi piace andare lontano, più lontano è meglio è, fuori dal raggio d'azione dei cellulari", dice Julie. "Ci si lascia tutto alle spalle e si osserva. Se si è aperti e consapevoli di ciò che ci circonda, si possono vedere cose incredibili che nessun altro può vedere, opportunità uniche nella vita. Mi piace anche come l'oceano ti fa sentire piccolo".

Julie dice che la parte migliore dell'essere un capitano di Hornblower è interagire con gli ospiti. Ama poterli educare sulla fragilità degli oceani e sul nostro ruolo nel contribuire alla loro conservazione.

È il suo occhio acuto che aiuta gli osservatori di balene a scorgere le creature giganti prima che appaiano in superficie. Ha partecipato a migliaia di escursioni per l'osservazione delle balene ed è in grado di riconoscere forme, modelli e colori in lontananza. Questo è il risultato di anni passati a pescare, a fissare l'orizzonte dell'oceano e a cercare segni di vita. Julie dice che i suoi occhi sono ben allenati a decifrare ogni tipo di macchia o spruzzo all'orizzonte. "È una parte fondamentale della cattura dei pesci e, naturalmente, dell'avvistamento di balene e altre forme di vita marina".

Nei quattro anni trascorsi con Hornblower, Julie ha vissuto molte esperienze memorabili sull'acqua, ma ce n'è una che ricorderà per sempre. "Una ragazza malata terminale è venuta a bordo come parte della Fondazione Make-A-Wish. Non sapevo che fosse sulla barca fino alla fine della crociera, ma quella mattina abbiamo fatto una gita spettacolare con molte balene grigie e centinaia di delfini comuni. È stato uno spettacolo davvero bello e, mentre i passeggeri stavano lasciando la nave, lei e sua madre si sono avvicinate a me e mi hanno raccontato la loro storia e poi mi hanno ringraziato per il giorno più bello della loro vita e io ho quasi pianto. Ogni volta che vedo persone felici ed emozionate come me in acqua è il giorno più bello della mia vita".

Alcune delle esperienze più memorabili di Julie sono state anche le più strane. Due in particolare rivelano il cerchio della vita nel vasto mondo marino del nostro pianeta. "Vedere nascere un piccolo di balena grigia è stato mozzafiato e probabilmente uno dei miei giorni più belli. L'anno scorso c'erano così tanti piccoli. Ho anche visto uno squalo bianco mangiare un delfino e un altro cacciare un leone marino".

Non si può mai sapere cosa si vedrà o sperimenterà nelle grandi acque blu al largo di San Diego durante una crociera Hornblower per l'osservazione delle balene. Ma ci sono buone probabilità di vedere il capitano Julie Peet al timone.

Per prenotazioni, chiamare il numero 1-888-HORNBLOWER o visitare il sito www.hornblower.com.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.