MANI DI GUARIGIONE SUL PONTE

Quando Jeanne Fleming lavorava in teatro a New York, non avrebbe mai immaginato che un giorno sarebbe stata il primo ufficiale della Hornblower Cruises & Events sulla costa della California.

Jeanne decise di trascorrere un'estate in Alaska per cambiare ritmo, ma non tornò più nel suo appartamento di New York. Trascorse i due anni successivi lavorando e vivendo a bordo di barche e innamorandosi dell'acqua.

"Il marinaio della mia prima barca mi ha dato un consiglio brillante, che uso tuttora. Mi disse: 'Non dimenticare di smettere di lavorare e di guardarti intorno'".

Jeanne decise di trasferirsi in California. "Ho vissuto in barca per un paio d'anni, ma mi mancava un appartamento in una grande città, così ho scelto San Diego".

Jeanne è arrivata nel sud della California come marinaio mercantile, ma ha deciso di trovare un programma di infermieristica, "per averlo in tasca", dice. Oggi Jeanne è un'infermiera diplomata e lavora presso lo Sharp Grossmont Hospital nel reparto di cardiologia, oltre a essere un primo ufficiale di Hornblower Cruises and Events San Diego.

Com'è una sua giornata tipo?

"Quando arrivo al lavoro, saluto le persone e poi saluto la barca. Percorro i ponti interni ed esterni, ispezionando la sicurezza e la pulizia. Saluto i motori e i generatori e giro per la sala macchine, sempre guardando, ascoltando e annusando. La mia parte preferita è la quiete riverente della timoneria. Essere sull'acqua è una cosa potente".

Lo yacht preferito di Jeanne nella flotta Hornblower di San Diego è l'Admiral Hornblower, anche se High Spirits è al secondo posto.

"Admiral è robusta, ma ancora bella e attraente. High Spirits è intrigante con la sua storia, i compartimenti del proibizionismo e le storie di avvistamenti di fantasmi!".

L'esperienza Hornblower più memorabile di Jeanne? "Qualche anno fa, abbiamo portato Adventure nelle acque di Camp Pendleton e abbiamo assistito e partecipato ad alcune esercitazioni dei Marines americani. Abbiamo visto armi, navi e uniformi esotiche".

Anche con due incredibili carriere, Jeanne trova ancora il tempo e l'energia per fare volontariato con la Fondazione Mille Sorrisi.

"Mi reco a Ensenada, in Messico, quattro volte l'anno con chirurghi volontari americani, anestesisti, specializzandi e infermieri per curare i bambini affetti da labiopalatoschisi. I chirurghi maxillo-facciali sono delle vere rockstar!".

Come se questo non bastasse a riempire la sua agenda, Jeanne sta cercando di fare ancora più volontariato.

"Il mio obiettivo è quello di insinuarmi sulla USNS Mercy, una nave ospedale della Marina nella baia di San Diego. Sto mettendo a punto come vendermi come infermiera volontaria per una delle loro missioni di aiuto umanitario per la Marina degli Stati Uniti".

Allora, cosa rende così piacevole lavorare alla Hornblower?

"Mi piace poter offrire del tempo in acqua a persone che non hanno la possibilità di viverlo spesso. Mi piace essere parte dell'esperienza complessiva per gli ospiti e far parte di un gruppo. I miei collaboratori danno e danno. Lo vedo ogni giorno. Che si tratti di essere pazienti con un passeggero o empatici con un collega, queste persone sono il sale della terra".

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.