Angel Island è la seconda isola più grande della Baia di San Francisco, mentre Alameda è la più grande. Angel Island è così grande che nelle giornate limpide è possibile vedere Sonoma e Napa dal lato nord dell'isola e San Jose dal lato sud. Il punto più alto dell'isola, quasi esattamente al centro, è il monte Caroline Livermore, alto 788 piedi. La maggior parte dell'isola fa parte della città di Tiburon, nella contea di Marin, mentre una piccola porzione all'estremità orientale si estende nella città e nella contea di San Francisco. L'isola è separata dalla terraferma della Contea di Marin dallo Stretto di Procione, profondo circa 90 piedi.

Fino a circa diecimila anni fa, Angel Island era collegata alla terraferma, ma è stata isolata dall'innalzamento del livello del mare dovuto alla fine dell'ultima era glaciale. Da circa duemila anni fa, l'isola era un sito di pesca e di caccia per i nativi americani Coast Miwok. Testimonianze simili di insediamenti di nativi americani si trovano sulla vicina terraferma della penisola di Tiburon, sulla Ring Mountain.

Nel 1775, la nave spagnola San Carlos fece il primo ingresso europeo nella baia di San Francisco al comando di Juan de Ayala. Ayala gettò l'ancora al largo di Angel Island, a cui assegnò il nome moderno di Isla de los Ángeles. La baia in cui ancorò la sua nave è oggi nota come Ayala Cove.
Come gran parte della costa californiana, Angel Island fu successivamente utilizzata per l'allevamento del bestiame. Nel 1863, durante la Guerra Civile Americana, l'Esercito degli Stati Uniti era preoccupato per i raid navali confederati che avrebbero attaccato San Francisco, così decise di costruire batterie di artiglieria su Angel Island, prima a Stuart (o Stewart) Point e poi a Point Knox. Il colonnello Rene Edward de Russy era l'ingegnere capo e James Terry Gardiner era l'ingegnere incaricato di progettare e supervisionare i lavori. L'esercito stabilì un accampamento sull'isola (oggi noto come Camp Reynolds o West Garrison), che in seguito divenne una guarnigione di fanteria durante le campagne statunitensi contro i nativi americani dell'Ovest.

Forte McDowell
Alla fine del XIX secolo, l'esercito designò l'intera isola come "Fort McDowell" e vi sviluppò altre strutture, tra cui quella che oggi è chiamata East Garrison o Fort McDowell. Nel 1891 fu aperta una stazione di quarantena ad Ayala Cove (all'epoca conosciuta come Hospital Cove). Durante la guerra ispano-americana, l'isola servì come deposito per le truppe di ritorno. Continuò a servire come stazione di transito per tutta la prima metà del XX secolo, con l'imbarco e il ritorno delle truppe della Prima Guerra Mondiale. Alla fine della guerra, il centro di sbarco era comandato da William P. Burnham, che aveva comandato l'82ª Divisione in Francia.
Durante la Seconda Guerra Mondiale, il fabbisogno di truppe nel Pacifico superò di gran lunga le esigenze precedenti. Le strutture di Angel Island furono ampliate e un ulteriore trattamento fu effettuato a Fort Mason a San Francisco. Prima della guerra, l'infrastruttura era stata ampliata, compresa la costruzione del traghetto dell'esercito USAT General Frank M. Coxe, utilizzato per trasportare le truppe da e verso Angel Island.

Fort McDowell fu anche utilizzato come stazione di detenzione per gli immigrati giapponesi, tedeschi e italiani residenti alle Hawaii arrestati come potenziali quinta colonna. Questi internati furono poi trasferiti nei campi del Dipartimento di Giustizia e dell'Esercito dell'entroterra. Anche i prigionieri di guerra giapponesi e tedeschi furono trattenuti sull'isola, sopperendo alle esigenze di immigrazione, che furono ridotte durante gli anni della guerra.

L'esercito ha dismesso la postazione militare nel 1947. Nel 1954 fu installata sull'isola una stazione missilistica Nike. I depositi di missili furono costruiti sopra Point Blunt, nell'angolo sud-est dell'isola, e la cima del Monte Ida (ora Monte Caroline Livermore) fu spianata per far posto a un eliporto e alla relativa stazione radar e di rilevamento. I missili furono rimossi nel 1962, quando l'esercito lasciò l'isola. La piattaforma di lancio dei missili esiste ancora, ma la stazione in cima al Monte Caroline Livermore è stata riportata ai suoi contorni originali nel 2006.

Stazione di quarantena
La peste bubbonica rappresentava una tale minaccia per gli Stati Uniti che Angel Island fu inaugurata come stazione di quarantena nel 1891 per controllare i passeggeri asiatici e i loro bagagli prima di sbarcare sul suolo americano. La costruzione di questa stazione di quarantena, finanziata con fondi federali, fu completata nel 1890 e il complesso conteneva molti edifici separati, tra cui baracche per la detenzione, strutture per la disinfezione, alloggi per la convalescenza e un ospedale di isolamento noto come "casa dei lebbrosi".

In risposta alla morte di Wong Chut King, un immigrato cinese che lavorava in un deposito di legname infestato dai topi a Chinatown, il Consiglio sanitario di San Francisco mise rapidamente in quarantena l'area locale per neutralizzare i possibili agenti patogeni. Le persone sospettate di aver avuto contatti con la malattia furono inviate in strutture di isolamento. I cinesi erano confusi dall'idea di separare l'intera regione per controllare la diffusione della malattia, perché ritenevano che questa emergesse dai vapori tossici creati nella sporcizia durante i cambi di stagione.

In seguito all'aumento dei decessi, vennero inviati ad Angel Island campioni di tessuto da analizzare per determinare se fossero portatori di Yersinia Pestis, il batterio responsabile della diffusione della peste bubbonica. A quel tempo, la peste era difficile da diagnosticare a causa di altre malattie che potevano mascherare la presenza della peste. Il batteriologo Joseph Kinyoun, di stanza ad Angel Island nel 1899, riteneva che la peste si sarebbe diffusa nella Chinatown di San Francisco dopo che la Yersinia Pestis era stata confermata da uno dei decessi. Anche con un vaccino per inoculare e proteggere i residenti di Chinatown, i cinesi credevano che il vaccino fosse sperimentale e non volevano che fosse somministrato.

Stazione di immigrazione
La costruzione della stazione di immigrazione di Angel Island iniziò nel 1905, ma non fu utilizzata fino al 1910. Questa zona era conosciuta come China Cove. Fu costruita per controllare l'ingresso dei cinesi negli Stati Uniti. Dal 1910 al 1940, Angel Island è stata una stazione di immigrazione che ha trattato immigrati provenienti da 84 Paesi diversi, di cui circa un milione erano cinesi. Lo scopo della stazione di immigrazione era quello di indagare sui cinesi a cui era stato negato l'ingresso in seguito alla legge sull'esclusione dei cinesi del 1882. Gli immigrati dovevano dimostrare di avere mariti o padri cittadini statunitensi per evitare la deportazione.

La stazione di immigrazione di Angel Island era utilizzata prevalentemente per ispezionare, disinfettare e trattenere gli immigrati cinesi, giapponesi e altri asiatici che attraversavano l'Oceano Pacifico. Oltre alle visite mediche standard, gli immigrati cinesi venivano controllati per le malattie parassitarie e i test per i parassiti intestinali richiedevano un campione di feci. Gli immigrati hanno descritto il processo di esame e disinfezione come brutale, umiliante e indecente. I passeggeri malati venivano inviati all'ospedale dell'isola fino a quando non potevano superare una visita medica e un'udienza per l'immigrazione. I processi investigativi determinavano la durata della permanenza dell'immigrato alla stazione e gli immigrati cinesi potevano essere trattenuti per un periodo che andava dalle due settimane ai due anni.

L'identità razziale e la classe sociale di una persona determinavano l'intensità degli esami imposti, con il risultato che un numero minore di europei bianchi e di cittadini americani veniva sottoposto alle ispezioni. Quando erano sottoposti a ispezioni, i medici erano più diligenti nel rispettare le pratiche igieniche.

Un incendio distrusse l'edificio amministrativo nel 1940 e il successivo trattamento degli immigrati avvenne a San Francisco. Il 5 novembre 1940, l'ultimo gruppo di circa 200 immigrati, tra cui circa 150 cinesi, fu scambiato da Angel Island a brevi alloggi a San Francisco. Il "Chinese Exclusion Act", inizialmente proposto per una durata di 10 anni, fu ampliato ed esteso e non fu cancellato fino al 1943, quando la Cina divenne nostro partner nella Seconda Guerra Mondiale.
Nel 1964, la comunità cino-americana ha esercitato con successo pressioni sullo Stato della California affinché la stazione di immigrazione fosse designata come monumento statale. Oggi, la stazione di immigrazione di Angel Island è un punto di riferimento storico nazionale designato a livello federale. È stata ristrutturata dal California State Parks e riaperta il 16 febbraio 2009.

Tour di Angel Island
Per coloro che sono interessati a godersi i dintorni di Angel Island e a saperne di più sulla ricca storia dell'isola, Alcatraz Cruises offre un Island Hop Tour tra Angel Island e Alcatraz Island. Giro dell'isola

Il tour combinato richiede circa 5 ore e mezza e comprende i viaggi in traghetto per entrambe le isole, un tour in tram storico di un'ora ad Angel Island e il tour audio della Cellhouse sull'isola di Alcatraz. (Nota: il tour della stazione di immigrazione di Angel Island non è incluso nel tour combinato di Alcatraz e Angel Island).

In collaborazione con il California State Parks e il National Park Service, Alcatraz Cruises offre questo tour stagionale con tour nei fine settimana e servizio giornaliero dal 2 giugno al 30 settembre. Il prezzo del biglietto è di 76,25 dollari per adulti/junior (12-61 anni); 51,00 dollari per i bambini (5-11 anni); 74,00 dollari per gli anziani (62+) e gratis per i bambini (0-4 anni).
Per le prenotazioni, visitare il sito Buy Tickets o chiamare il numero 415.981.7625. Se si prenota il tour combinato per un gruppo di 15 o più persone, si prega di contattare il Servizio Gruppi di Alcatraz Cruises al numero 415.438.8361 o all'indirizzo e-mail [email protected]