Luke Wade di The Voice, del Team Pharrell della settima stagione, si unirà alla Hornblower New York per due crociere Alive After Five venerdì 17 e sabato 18 aprile, dove offrirà due performance uniche e intime agli ospiti a bordo. I biglietti partono da soli 25 dollari a persona. Entrambe le crociere partono dal molo 15 del South Street Seaport, con imbarco alle 17:30 e navigazione dalle 18:00 alle 20:00.

Per acquistare i biglietti per entrambi gli spettacoli, visitare hornblowerny.com/booking.

Informazioni su Luke Wade: Capita poche volte in una generazione che un artista abbia il potenziale per riflettere in modo così onesto la condizione umana. Una tale vocazione richiede un'umiltà e un'autoconsapevolezza che raramente si trovano in un artista se non a carriera inoltrata, quando si è passati dall'idealismo alla filosofia. Spesso i giovani cantautori aspirano a disegnare un quadro con le parole, un'espressione melodica del visivo, sperando di catturare un singolo momento significativo nel tempo. Luke aspira a catturare il nostro viaggio attraverso di esso - e il suo secondo album, "The River", parla di una partenza brillante in quel viaggio.

Crescere in Hurt Street, in un'afosa cittadina del Texas, potrebbe sembrare un inizio di buon auspicio per un cantante soul. Ma per Luke Wade, di Dublino, è difficile immaginare che si tratti di un destino.

Nato da artisti straordinari e autodefinitisi "hippy", Luke è il prodotto di una casa che ha veramente coltivato la creatività. Il più giovane di quattro figli, la sua musica è la manifestazione moderna delle nozioni introspettive e illuminate instillate dai suoi genitori. Bob e Wanda hanno generato una consapevolezza di sé che rende la musica di Luke intrinsecamente riflessiva, senza bisogno di espedienti o novità. I suoi testi penetranti e riflessivi rendono facile immaginare che se Hurt Street si trovasse in una galassia lontana lontana, questa sarebbe ancora la musica che lui creerebbe.

Un'improbabile serie di malattie infantili ha fornito a Luke un senso di prospettiva che molti non trovano mai, nemmeno da adulti. Un attacco di meningite spinale si è rivelato quasi fatale, un incidente di paintball lo ha reso cieco da un occhio e qualche anno dopo un grave colpo di calore lo ha lasciato a lottare per superare danni cerebrali temporanei e amnesia. Sebbene queste esperienze influenzino inevitabilmente la sua musica, non è nel modo fatalista che ci si potrebbe aspettare. Sebbene le sue canzoni possano avere quell'aria da "scritto sulla veranda perché la casa era troppo calda", il risultato finale è uno stile che sembra sempre pieno di speranza.

L'uscita in primavera di "The River" e la copertura mediatica hanno fatto sì che venisse nuovamente paragonato a personaggi del calibro di Ray LaMontagne. Ciascuna delle sue caratteristiche stilistiche è unica, Luke si circonda di musicisti eccezionali ed è sempre consapevole del suo posto nell'equazione musicale. La sua incomparabile musicalità richiede all'accompagnamento qualcosa di più del semplice sostegno al testo, ma gli permette di costruire un ambiente distintivo in cui raccontare la sua storia.

Quando si esibisce con la sua band al completo, la chiassosa sezione fiati e la voce soul di Luke sono la perfetta combinazione di audacia e sfumature. La scrittura di Luke è sempre onesta e mai autoindulgente, creando musica che si sente parte dell'ascoltatore quanto dell'artista. Il suo fascino da "danneggiato nel trasporto, ma assolutamente consegnato" lo ha reso famoso al pubblico e ha incoraggiato un seguito rabbioso ovunque si esibisca.

Istintivamente, Luke sembra rendersi conto che il suo successo è sempre secondario rispetto alla canzone, con il risultato di una rinfrescante vulnerabilità che non si potrebbe toccare con un bastone da dieci piedi. La musica è allo stesso tempo frivola e necessaria. Quel raro artista disposto ad abbracciare quest'idea diventerà senza tempo, realizzando la musica che viene a descrivere generazioni e culture, non semplicemente come narrazione storica, ma come identità consapevole con cui scegliamo volontariamente di definirci in tempo reale.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.