Trasporto bagagli

La procedura per essere portati attraverso Ellis Island era lunga e stressante per i passeggeri. Le famiglie uscivano dal piroscafo ed entravano nella stanza dei bagagli, situata al livello principale dell'edificio. Ai passeggeri venivano consegnati dei badge d'identità numerati. Gli effetti personali, come carretti, borse e casse del tesoro piene dell'essenziale dei passeggeri, venivano lasciati al livello della stanza dei bagagli e i passeggeri seguivano il loro segnale fino alla stanza del registro, situata su per le scale, in modo che i passeggeri potessero essere ispezionati da ufficiali medici e legali. Le guardie esaminavano ogni persona individualmente cercando mancanza di respiro, debolezza nel camminare o difficoltà nel parlare.

 

Valutazione della salute

La Registry Room, conosciuta all'epoca anche come 'The Great Hall', era un'area bella e spaziosa, lunga 200 piedi e larga 102 piedi. Era in questa stanza che i passeggeri venivano informati se potevano entrare nel paese o essere rimandati al loro paese d'origine. Tra gli anni 1903 e 1914, una malattia conosciuta come 'Trachoma' che colpiva gli occhi era molto diffusa in questo periodo. Se qualcuno portava la malattia all'arrivo, veniva spesso rimandato al suo paese d'origine. Non solo c'era una valutazione degli occhi, ma anche un 'controllo di sei secondi', per determinare se un passeggero era fisicamente o mentalmente malato.

 

La procedura legale

Nella stessa stanza dove si svolgevano i controlli fisici c'era anche l'ispezione legale. Sono state fatte ventinove domande come: "Dove sei nato?", "Qual è la tua occupazione?", "Sei sposato?